Travel Appeal: l’interessante startup del settore turistico

Travel Appeal: l’interessante startup del settore turistico

Con Circa 4 mila clienti già al suo attivo, Travel Appeal ha già un obiettivo, in termini finanziari, molto ambizioso: entro il 2021 varcare la soglia dei 25 milioni di euro di fatturato.

Travel Appeal ha già quattro sedi, due in Italia, una a Firenze ed una a Treviso, una ad Amsterdam, ed una a Londra, e circa 30 collaboratori.

Ma di cosa si occupa esattamente Travel Appeal nel settore del turismo?

Iniziamo dall’inizio: Travel Appeal è una startup fondata da Mirko Lalli nel 2014, con il supporto di H – Farm: grazie ad una algoritmo di intelligenza artificiale è in grado di scandagliare la rete e raccogliere i dati di circa un milione di strutture turistiche (musei, alberghi, ristoranti, negozi, etc.), trasformandole in strategie e consigli da fornire agli operatori del settore.

La startup ha già chiuso un aumento di capitale a 3 milioni di euro, giungendo così ad una raccolta complessiva superiore ai 4 milioni di euro. Una tranche di finanziamento è stata sottoscritta dal fondo Indaco Ventures I, lanciato da Cariplo, Intesa S Paolo, che ha un obiettivo di raccolta di 200 milioni di euro, di cui 133 sottoscritti e da Airbridge Equity Partners; questa tranche verrà utilizzata per l’ulteriore sviluppo della tecnologia e per dare uno sprint al processo di accelerazione, finalizzato all’espansione verso altri mercati.

Spiega lo stesso Mirko Lalli, che è anche CEO di Travel Appeal, che si tratta di una tappa fondamentale per la Startup, che consentirà loro di affrontare la sfida dei mercati in modo più sicuro e molto più rapidamente, soprattutto quando sarà necessario affrontare altri mercati internazionali oltre quelli in cui è già presente.

Forte dei suoi 4 mila clienti in tutta Europa, a questo punto il suo obiettivo è ambizioso: spingere l’acceleratore su altri mercati profittevoli, fra cui Dubai.

Il settore turistico in Italia ha grandi potenzialità, visto il grande patrimonio culturale e paesaggistico di cui siamo dotati e sicuramente startup come questa consentono di fare un passo in avanti verso una migliore fruizione del servizio turistico da parte del turista, partendo proprio dal fornitore dei servizi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.