Startup americane: Patreon, l’app creata da Jack Conte per aiutare gli artisti

Startup americane: Patreon, l’app digital che supporta i contenuti creativi

 

Nell’articolo di oggi vi parliamo di Patreon, una startup americana che ha sviluppato un’app che permette di supportare artisti, come cantanti, musicisti, ballerini, scrittori, fotografi e designer, nello svolgimento della propria attività. Quest’app funziona attraverso il pagamento di un abbonamento mensile che aiuta a pagare gli artisti iscritti sulla piattaforma, per produrre i contenuti usufruibili poi in piattaforma dai fan. Inoltre attraverso la stessa piattaforma i fan possono accedere a contenuti esclusivi messi a disposizione per loro direttamente dagli artisti.

L’app è stata creata da Jack Conte, CEO e founder di questa startup americana che è stata valutata già 400 milioni di dollari e impiega circa 100 persone al proprio interno.

patreon

Jack Conte è un grande appassionato di musica e questo lo ha spronato nella creazione di quest’applicazione, anche se dopo la creazione della piattaforma ha meno tempo per suonare. “Molti creatori dipendono dal fatto che siamo una squadra ad alte prestazioni”dice Conte durante un’intervista all’ufficio di San Francisco a Patreon. “Questa è la cosa più importante al mondo per me, quindi per me c’è meno tempo per la musica.”

La dedizione di Conte deriva dalla convinzione che Patreon possa salvare i creatori di contenuti dal dover sopravvivere con la pubblicità digitale – un compito quasi impossibile per la maggior parte di loro – o ricorrere a campagne di una volta su siti come Kickstarter e Indiegogo. La società si basa su una scommessa intuitiva che i fan sono disposti anche a pagare abbonamenti mensili per contenuti che potrebbero ottenere gratuitamente purché aiuti a supportare i loro artisti preferiti. E i risultati sono dalla sua: più di un milione di utenti di Patreon stanno aiutando circa 50.000 artisti con una busta paga mensile per la creazione dei contenuti.

“Su Kickstarter e Indiegogo, i creator devono essenzialmente ricominciare da capo ogni volta”, afferma Danny Rimer, partner di Index Ventures, investitore e membro del consiglio di amministrazione di Patreon. “È la stessa ragione per cui le società di software sono passate dal software con licenza agli abbonamenti: entrate prevedibili e un servizio migliore per i clienti”.

Da quando Conte ha fondato Patreon quattro anni fa con il suo compagno di stanza della Stanford University, Sam Yam, 33 anni, che è ora il CTO, la società ha pagato oltre 250 milioni di dollari ai suoi artisti – 150 milioni solo nel 2017. L’attività di Patreon è alimentata da un semplice sistema di finanziamento e dalla linea diretta che apre tra artisti e fan, che ottengono con l’abbonamento l’accesso a vantaggi come Q & A in diretta o chat esclusive con gli artisti oltre che filmati esclusivi dietro le quinte che un artista potrebbe condividere su Instagram o Facebook. Inoltre non fa male essere altruisti nei confronti dei propri artisti preferiti.

Mentre Patreon non è più l’unico player nella sua categoria (Kickstarter ha lanciato un concorrente chiamato Drip a novembre), è il più grande – e sta crescendo più velocemente che mai. Il numero di patroni e creatori e l’importo promesso raddoppiano ogni anno. Ora Patreon sta utilizzando alcuni degli oltre $ 100 milioni che ha raccolto dagli investitori, tra cui Thrive Capital e Freestyle Capital di Joshua Kushner, per raddoppiare il numero di utenti nel prossimo anno.

Con alcune misure il successo, Patreon sfida la logica. L’utente medio promette $12 al mese, più del costo di un abbonamento base a Spotify o Netflix, che offre accesso a immensi cataloghi di video e musica.

Dozzine di artisti in questo mondo con Patreon guadagnano più di $30.000 al mese, incluso il recensore del video Blind Wave e il cantante a cappella Peter Hollens, che ha realizzato circa $400.000 sul sito l’anno scorso.

“La missione è inviare più soldi possibile ai creatori”, dice Conte. Le commissioni hanno generato un fatturato stimato di $ 8 milioni l’anno scorso.

I pledgers si iscrivono ai “tier”, in genere vanno da $1 a $10 – anche se alcuni pagano molto di più – per accedere ai benefit promessi dagli artisti. La performer di Ukulele, Cynthia Lin, che offre ai fan lezioni dal vivo, ricava circa la metà delle sue entrate da Patreon e ha aumentato la sua base di fan da 400 a 1.400 nell’ultimo anno. Con il video “sketchbook tour” e chat, l’illustratore cileno Fran Meneses mette in tasca oltre $4.000 al mese, che integra le entrate del suo negozio Etsy e la presenza su Instagram.

I creatori si uniscono a Patreon gratuitamente e non devono promettere esclusività. Il sito offre loro istruzioni su come usarlo nel modo più efficace. Fornisce inoltre un elenco crescente di strumenti di back-office come l’analisi e la gestione della posta elettronica per aiutare i creatori a realizzare campagne di adesione di successo. A lungo termine, Conte spera di contribuire a finanziare nomi più grandi e dimostrare che la tecnologia può aiutare a ripristinare le basi finanziarie per i creatori di contenuti che Internet ha ampiamente eroso negli ultimi anni.

La prima etica degli artisti di Patreon può essere redditizia per alcuni, ma è accompagnata da insidie, specialmente in un mondo in cui i modelli di business digitali cambiano frequentemente. “I creatori devono diversificare il più possibile i propri redditi in modo che il tappeto non possa essere tirato da sotto di loro”, afferma Laura Chernikoff, direttore esecutivo di Internet Creators Guild.

Conte ha discusso la sua idea con Yam, che ha programmato il sito per mesi. È andato online a maggio 2013, e in pochi minuti più di 100 fan hanno promesso un aumento di $700 al mese per sostenere il lavoro di Conte. Entro pochi mesi Patreon aveva investitori.

Conte ora sta guardando una serie di opportunità di crescita. La prima è l’espansione all’estero: il sito è in inglese e richiede solo dollari USA, ma il 40% degli utenti è al di fuori degli Stati Uniti. Nel contempo Conte immagina funzionalità più coinvolgenti, come i concerti di realtà virtuale. Più lontano sono in qualche modo confuse le nozioni di trasformare Patreon in un fornitore di servizi per le piccole imprese, compresi i biglietti e il merchandising, per aiutare così gli artisti a trasformare le loro passioni in professioni. “Gli artisti non devono più morire di fame“, dice Conte.

Vi lasciamo al video di presentazione di una startup americane più interessanti degli ultimi anni:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.