Space X: tra poco il primo viaggio nello spazio

Space X: tra poco il primo viaggio nello spazio per il brand di Elon Musk

Nonostante sia stato rinviato di qualche giorno per maltempo, siamo quasi arrivati finalmente al primo viaggio nello spazio per il brand Space X del visionario americano Elon Musk. Infatti la Crew Dragon, composto dai due astronauti Bob Behnken e Dug Hurley è ormai pronta per il primo viaggio sulla stazione internazionale (Iss).

Il viaggio era pronto già ieri ma è stato rimandato per problemi meteorologici: infatti a pochi minuti dal lancio, alle ore 20:30 il meteo era “no go” e quindi il viaggio è stato rimandato a sabato 30 maggio alle 21:22 italiane.

Era presente anche il presidente americano Trump, che ha assistito a Cape Canaveral a questo inatteso imprevisto, che però non mette a rischio la sicurezza dell’impresa. Infatti nessun’azienda privata ha mai inviato propri astronauti nello spazio e in generale sono nove anni che gli americani attendevano il decollo di un velivolo spaziale dal suolo americano. Infatti sono anni che il governo non finanzia più questo tipo di spedizione, che avviene invece in Kazakistan.

La Crew Dragon è spinta da un razzo Falcon 9, che ha fatto la fortuna della compagnia di Musk grazie al primo stadio riutilizzabile che riesce a riatterrare su sé stesso.

In caso qualcosa vada storto subito dopo il lancio, la navetta attiverà il sistema di fuga dal vettore, grazie a dei razzi che la spareranno via e un paracadute ne assicurerà un ammaraggio sicuro nell’Atlantico da parte degli astronauti.

Rimaniamo con il fiato sospeso e attendiamo con ansia che arrivi sabato.

Sommario
Space X: tra poco il primo viaggio nello spazio
Nome Articolo
Space X: tra poco il primo viaggio nello spazio
Descrizione
Nonostante sia stato rinviato di qualche giorno per maltempo, siamo quasi arrivati finalmente al primo viaggio nello spazio per Space X di Elon Musk.
Autore
Nome Publisher
StartUp Mag
Logo Publisher

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.