Giovani imprenditori: la classifica degli under 30 europei di Forbes

La classifica Forbes sui giovani imprenditori europei

I giovani imprenditori europei sono stati osservati dalla rivista americana Forbes, che ha stilato la sua personale classifica sui più interessanti, in base alla loro capacità di essere visionari e di guidare il proprio campo. La classifica comprende trenta nomi, dai quali spiccano una serie di caratteristiche accomuna questi giovani imprenditori:

  • La capacità di essere precursori nel proprio campo e alcuni di questi sono stati in grado di portare innovazione nel settore di provenienza;
  • Motivazione: non arrendersi davanti alle difficoltà, ma forgiarsi in esse;
  • Eterogeneità: la classifica individua un gran numero di donne e di figli di immigrati in Europa, che hanno sfidato preconcetti e difficoltà oggettive, riuscendo con le proprie capacità, a vincere la loro sfida;

Ma di chi si tratta? La rivista di marketing e comunicazione Pop Up Magazine ha dato un volto a questi personaggi: vediamoli insieme!

Rita Ora

La cantante londinese ma di origine kosovara è il nostro primo nome in classifica: con una gran tenacia questa ragazza è riuscita prima a sfondare nel campo musicale, per poi divenire testimonial di numerosi brand importanti e anche disegnatrice delle nuove collezioni Adidas e Rimmel London. In un’intervista ha dichiarato:

“Mi dichiaro in cose che voglio raggiungere, e non mi arrendo. Volevo fare tutto. Mi sento come se fossimo in un’epoca in cui l’intrattenimento può essere così vario. Con la possibilità di essere un’attrice, essere in TV e presentare e ancora pubblicare un album. Penso di far parte di un nuovo tipo di star.”

rita ora

Silas Adekunle

Silas Adekunle invece si occupa di realtà aumentata e ha cofondato Reach Robotics. Questa ha sviluppato una piattaforma di realtà aumentata che si chiama Mekamon, che si combina con la robotica per dare vita ai personaggi dei videogiochi. L’app per smartphone della startup controlla robot reali che lottano tra loro e Silas Adekunle si sta preparando a portare il suo prodotto sul mercato di massa. Gli investitori hanno investito 10 milioni di dollari in Reach Robotics, tra cui London Venture Partners e l’azienda con sede nel Regno Unito ora ha 32 dipendenti a tempo pieno che lavorano al programma.

Silas Adekunle

Negin Mirsalehi

Negin Mirsalehi è un’influencer che oggi è divenuta imprenditrice fondando Gisou, con prodotti utili alla cura dei capelli che lei si è autofinanziata. L’anno scorso la startup ha incassato tre milioni di dollari in vendite. Gisou ha un grande seguito sui social media: su Instagram si contano 4,5 milioni di follower che le consentono di guadagnare 20.000$ per un singolo post promozionale. Mica male direi!

negin mirsalehi

Gilda Ambrosio

Con oltre 185.000 follower su Instagram, Gilda Ambrosio è la ragazza “It” del fashion blogging sui social media e tra i dieci influencer più famosi al mondo. Nata a Napoli nel 1992 e ora residente a Milano, è cresciuta circondata dalla moda nella boutique dei suoi genitori e si è divertita a vestire i manichini del negozio perché, da bambina cicciona, dice di sentirsi impacciata di indossarli da sola. Ambrosio ha studiato fashion design all’Istituto Marangoni e l’anno scorso, insieme alla sua amica Giorgia Tordini, ha creato il marchio Attico, una linea eclettica e raffinata che è stata presentata durante la settimana della moda in un attico a Milano.

gilda ambrosio

Victoria van Lennep

Gli ex compagni di classe di Oxford Van Lennep e Martin Kissinger hanno contribuito a cofondare Lendable, un istituto di credito online che automatizza le decisioni di credito e consegna i fondi entro un’ora. Ha dato $160 milioni di prestiti in tre anni a oltre 30.000 individui.

victoria-van-lennep

Erik Gatenholm

Come il primo del suo genere al mondo, Cellink produce inchiostri e stampanti per la stampa 3D di organi umani utilizzati nella ricerca medica. La società da 140 milioni di dollari, si è quotata in borsa sul Nasdaq dopo soli dieci mesi di attività, fornisce prodotti a tutti, dal MIT al Takara Bio in oltre 40 paesi in tutto il mondo.

ERIK GATENHOLM

Vyacheslav Polonski

La società di analisi politica di Polonski, formata da Oxford, è nata da un progetto di ricerca di dottorato che utilizzava i social media per predire il voto sulla Brexit un mese prima che accadesse.

polonski

Alice Tomassini

Il regista di documentari italiano Alice Tomassini ha avuto molti ruoli dietro la macchina da presa, più recentemente sul lato della produzione di un documentario secolare sul rapporto tra la chiesa e i social media, oltre a una serie di brevi documentari sull’impatto sociale della tecnologia. Negli ultimi anni, ha anche iniziato a sperimentare l’intersezione tra realtà virtuale e esperienze sensoriali tattili e nei prossimi mesi ha in programma di iniziare a girare uno dei primi brevi documentari sulla realtà virtuale.

alice tomassini

Jamie Bolding

La società di social media marketing Jungle Creations sfrutta i suoi 50 milioni di follower e l’inclinazione alla viralità per creare annunci dei video per clienti come Disney ed Apple, che hanno portato a $ 13,5 milioni di entrate nell’ultimo anno solare.

jamie bolding

Questi sono solo alcuni dei nomi evidenziati da Forbes. Per scoprire tutti i profili dei giovani imprenditori europei più promettenti, non dovete far altro che visitare il sito della rivista.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.