Funnel Marketing: ne parliamo con l’imprenditore Mirko Cuneo

Per avere successo nell’odierno mondo del business non potete non conoscere il Funnel Marketing!

Se vi dico la parola imbuto che cosa vi viene in mente? Se adesso, probabilmente, state andando a ripescare nei vostri ricordi per rispondere alla domanda, alla fine della lettura di questo articolo non potrete che associare questo termine al processo di Funnel Marketing.

Infatti, non solo la parola italiana imbuto è la traduzione più adatta del termine inglese Funnel, ma la struttura stessa di questo processo di marketing disegna virtualmente un vero e proprio imbuto.

Oggi abbiamo il piacere di parlare con Mirko Cuneo, CEO di Nextre Engineering ed esperto di web marketing per le aziende, che ci farà capire meglio che cos’è il Funnel Marketing, di cosa si compone e come effettivamente si imposta questo processo.

 

Ciao Mirko, innanzitutto grazie per la disponibilità per questa intervista. Siamo interessati a sapere di più sul Funnel Marketing e sulla sua applicazione nel business. Inizio subito chiedendoti di spiegarci meglio di cosa si tratta. 

È un piacere poter affrontare questo argomento per me molto importante e che è una delle tante sfaccettature di cui si compone il mio lavoro. Con Funnel Marketing si intende l’impostazione di un percorso, suddiviso in varie fasi, da far compiere agli utenti per portarli dalla fase di acquisizione fino a quella di conversione, differente rispetto all’attività svolta. La conversione può essere l’acquisto vero e proprio, la compilazione di un form, il download di un file, la visualizzazione di un video, ecc. Insomma, in un certo senso significa prendere virtualmente per mano il cliente e accompagnarlo fino a compiere l’azione che desideriamo.

Quindi, alla domanda, che cos’è il Funnel Marketing, la mia risposta è che si tratta di progettare in maniera molto logica una macchina, ingranaggio per ingranaggio, il più automatizzata possibile. Un processo di Funnel deve elargire contenuti agli utenti in modo da valorizzare l’azienda e i suoi prodotti diventando un sistema che ha l’obiettivo di acquisire clienti, aumentare le vendite e differenziarsi dalla concorrenza.

L’immagine a cui fa riferimento il Funnel Marketing è quella dell’imbuto proprio perché il numero di persone che effettivamente giunge alla fase conclusiva di conversione è minore rispetto alle persone che visitano il nostro e-commerce e che sono potenzialmente interessate alla nostra offerta.

Tra le statistiche della Ecommerce Platforms emerge che il tasso medio di abbandono del carrello negli acquisti online è circa del 63%. Ma tra coloro che hanno implementato sistemi di Marketing Automation nel proprio processo di vendita, l’80% afferma che il numero delle loro conversioni è aumentato del 77%.

Quindi, fare Funnel Marketing vuol dire avere un approccio più attivo alla vendita rispetto alla semplice presenza passiva sul web con un sito vetrina. Quest’ultimo richiede ingenti investimenti in denaro per gestione, mantenimento e pubblicità senza farci avere un vero ritorno in entrate o conversioni.

digital marketing

Perfetto Mirko, sei stato molto esaustivo. Hai detto che il Funnel Marketing è suddiviso in varie fasi, ti andrebbe di raccontarcele? 

Certamente, cercherò di essere il più semplice e chiaro possibile. Il Funnel Marketing ha lo scopo di creare un rapporto con l’utente, in modo da stimolare la sua fiducia e spingerlo a comprare più volte sul nostro e-commerce. Questo viaggio avviene attraverso 4 macro fasi principali:

  • consapevolezza;
  • interesse;
  • considerazione;
  • acquisto;

Nella fase di consapevolezza, la prima del processo di canalizzazione di marketing, rientrano tutti gli utenti che approdano al tuo sito web o e-commerce. Queste persone sono potenzialmente interessate al tuo prodotto o servizio, ma ancora non hanno famigliarità con il tuo brand.

È a questo punto che devi iniziare a comunicare con loro in modo da infondergli fiducia, mostrargli chi sei e cosa tu o il tuo prodotto potete fare per loro. Una volta che il potenziale cliente si mostra interessato a ciò che gli offri deve apprendere più informazioni su di te o la tua azienda. È qui che hai l’opportunità di posizionarti nella mente dei tuoi utenti e iniziare un vero e proprio dialogo con il tuo target di riferimento.

Dopodiché, inizia la terza fase che è quella della considerazione, ovvero i potenziali clienti che incominciano a dimostrarsi interessati all’acquisto. A questo punto potrai fare un passo ulteriore inviando loro maggiori informazioni sul prodotto e spiegando perché è la scelta migliore per loro. Di conseguenza ogni potenziale cliente sceglierà cosa intende fare e, se tutto va bene, prenderà la decisione di acquistare il tuo prodotto o servizio.

Qui il lavoro non è finito perché è bene prendersi cura del proprio cliente affinché ripeta l’esperienza di acquisto. Infatti, non ha senso rischiare di perderlo dopo la fatica fatta per acquisirlo.

Ovviamente il processo di Funnel Marketing è molto più complesso e ricco di sfaccettature e variabili, ma qui ho voluto semplificarne i passaggi per renderlo di più facile comprensione. In realtà è una strategia che richiede diverse prove e molta sperimentazione, a volte anche di mesi, prima di trovare la via giusta perché funzioni.

funnel marketing
Funnel di vendita – Fonte: Neil Patel

 

Qual è il consiglio che vuoi dare ai lettori o agli imprenditori che pensano di iniziare la pianificazione di una strategia di Funnel Marketing? 

Allora, prima di tutto tengo a precisare che fare marketing e Funnel è un lavoro e, in quanto tale, richiede competenze, conoscenze e tempo da dedicargli. Inoltre, non si tratta di una formula magica con cui è possibile ottenere tutto e subito, ma come ho accennato prima, è un metodo che richiede sperimentazione, creatività e una visione in prospettiva verso il futuro. Un po’ come una partita a scacchi in cui i giocatori cercano di anticipare le mosse altrui, così gli esperti di Funnel Marketing cercano di prevedere il percorso dell’utente. Detto ciò, il mio consiglio è di provare ad implementare una strategia come questa all’interno della propria attività e, inizialmente, di chiedere una consulenza ad un professionista del settore.

Nella mia esperienza lavorativa ho aiutato diversi miei clienti a far crescere la propria attività. In alcuni casi il processo è avvenuto con un po’ più di lentezza, dovuta anche alla grandezza dell’impresa che quindi richiedeva sforzi maggiori. In altri casi posso dire di aver visto delle piccole e medie imprese addirittura cambiare non solo il proprio modello di marketing ma proprio quello di business.

Ognuno ha esperienza nel proprio mestiere e, come io che sono un imprenditore e mi occupo di digital marketing e vado dalla sarta per rifoderare una giacca; così consiglio a chi deve implementare una strategia di Funnel Marketing di andare da chi fa questo di lavoro per avviare un piano che abbia successo.

 

Ringraziamo Mirco Cuneo per l’intervista e per la sua esaustiva spiegazione legata al Funnel Marketing. Alla prossima con le interviste di StartUp Magazine!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.