Crowdfunding: come funziona e 17 consigli per lanciare la tua campagna (2° parte)

La seconda parte del nostro articolo sui consigli da fornire alle startup per lanciare la propria campagna di crowdfunding :)

Crowdfunding: come funziona e consigli utili – 2° parte

Stai cercando di far conoscere la tua startup e trovare i primi finanziamenti? Lanciare una campagna di crowdfunding è un ottimo strumento per farlo. Campagna di crowdfunding: come funziona e come sviluppare la tua strategia vincente?

Per rispondere in modo efficace a questa tua domanda ho creato una guida – se ancora non l’hai letta clicca qui per leggere la prima parte – con dei consigli fondamentali e imprescindibili non solo per creare una campagna di crowdfunding ma soprattutto utile a raggiungere l’obiettivo prefissato di raccogliere i fondi necessari per sostenere il tuo progetto.

Siete pronti a continuare? Bene, allora partiamo dal consiglio numero 9!

9.Crea una community di true fans intorno al tuo prodotto prima di lanciare la tua campagna

Come creare una community di true fans intorno al tuo prodotto prima di lanciare la tua campagna di crowdfunding? Bene, la conoscenza del mercato che stai cercando di raggiungere è importante, ovviamente, così come lo è una ricerca per scoprire se il tuo prodotto è effettivamente nuovo e necessario. Se esiste un prodotto simile, allora hai bisogno di una dannata buona ragione affinché le persone rischino i loro soldi per qualcosa che potrebbe materializzarsi o meno.

Se sei convinto che ci sia un mercato per questo, allora puoi iniziare avvicinandoti ai media. Se il prodotto è rivoluzionario come credi, prova a contattare le testate giornalistiche (online e offline) che coprono la tua nicchia.

Ma non è finita qui. Se hai un prototipo, mostralo prima del lancio. Fai in modo che le persone provino e filmino le loro reazioni. Tutto ciò che puoi fare per guadagnare l’attenzione delle persone prima della campagna è inestimabile e ti aiuterà ad ottenere i fondi necessari per realizzare la tua idea imprenditoriale.

10.Crea la tua mailing list

Una volta creata la tua community di fans sfegatati, finalmente ci sono delle persone davvero interessate al tuo prodotto. Grande! Non lasciare che si dimentichino che esisti. Ottieni i loro indirizzi email e usali.

Joel Hughes, manager di Indiegogo UK e Europa, spiega: “Sappiamo che c’è un valore per ciascuna di queste e-mail che raccogli e nella maggior parte delle campagne che vedo, le email convertono il 40% meglio di qualsiasi altra cosa”.

Samit Patelconsulente specializzato in campagne di crowdfunding, è d’accordo: “Molte persone commettono questo errore: ottengono l’iscrizione alla loro lista e basta”. E va avanti spiegando che dovresti fare una campagna di lead nurturing in cui racconti loro una storia:“Ciao Nome Iscritto, grazie per aver lasciato il contatto, questo è ciò che faremo: lanceremo il nostro prodotto su Indiegogo e avrai uno sconto del 50%. ” E poi inviare un’altra email un’ora dopo, dove racconti “perché ho creato questo prodotto” . Cerca di creare una connessione tra te e il tuo lettore!

Patel aggiunge:”Se li hai coinvolti con il tuo storytelling, ti sosterranno sin dal primo giorno del lancio, che di solito ti porta a raggiungere tra il 30-50% del tuo obiettivo, a questo punto Indiegogo ti aiuterà con una email dedicata al tuo progetto, inizierai un trend e ti daranno più spazio. Ecco perché è importante creare da soli una mailing list “.

Hughes, a proprosito di questo, sostiene che: “Se riesci a raggiungere almeno il 30% del tuo obiettivo nei primi due giorni, statisticamente ti stai mettendo in una posizione così forte da raggiungere o superare il tuo obiettivo entro la fine della campagna “.

11.Aggiorna (costantemente) i tuoi sostenitori man mano che il tuo progetto progredisce

Devi mantenere aggiornati i tuoi sostenitori mentre vai avanti con la tua campagna. Le piattaforme di crowdfunding in genere dispongono di strumenti integrati che ti consentono di aggiornare i tuoi sostenitori e inviare loro messaggi. Aggiorna l’area delle FAQ, fai vedere la copertura mediatica che stai ottenendo e naturalmente utilizza l’area Aggiornamenti come se fosse un vero e proprio blog, pubblicando ad esempio i diversi millestones (traguardi intermedi) raggiunti, cercando di essere il più possibile costante con gli aggiornamenti.

Se non condividi regolarmente gli aggiornamenti con loro, potresti perdere il loro interesse e potresti non essere in grado di attirare quanti più sostenitori vorrai.

Inoltre sii onesto con i tuoi sostenitori: se le cose non stanno andando esattamente come speravi, sii trasparente. I sostenitori vogliono sapere che puoi effettivamente consegnare il tuo progetto e i premi che gli hai promesso.

12.Non vendere in tutto il mondo

Sembra ovvio: in più paesi vendi, più soldi si possono guadagnare, giusto? Teoricamente, sì, ma più probabilmente finirai per farti del male.

Richard Perriman, responsabile della catena di distribuzione per il Regno Unito di Horizon International Cargo,spiega: “Quando spedisci 1.000 unità in un luogo e in una regione, è abbastanza economico. Se ricevi un ordine dallo Yemen, questo ti costerà 100 volte di più di tutti gli ordini nel Regno Unito.”

“È molto allettante dire -Voglio venderlo in tutto il mondo-, ma se hai intenzione di vendere una manciata di pezzi in paesi così lontani, è un errore. Basta una recensione negativa che tutti ne sentono parlare.”

Il consiglio di Perriman? Attenersi a Stati Uniti, Regno Unito, Europa e forse Australia.

13.Scegli saggiamente il giorno in cui lanciare il tuo prodotto e pianifica la campagna in base a conferenze ed eventi.

So che ci sono molte statistiche su quale giorno della settimana sia migliore per lanciare la tua campagna su Kickstarter ma ciò che conta davvero è come si adatta la tua campagna in relazione ad altri eventi del settore.

Lasciami spiegare. Supponiamo che hai intenzione di lanciare un videogioco nella stessa settimana dell’E3. Se andrai all’E3 quella settimana, con uno stand per mostrare il tuo prodotto, è perfetto. Tuttavia, se non ci sarai, nessuno si preoccuperà del tuo lancio. Non è che i giornalisti, i potenziali clienti e le persone chiave del settore non amano il tuo prodotto. Semplicemente non avranno il tempo di vederlo.

Devi assicurarti che il lancio di Kickstarter non si sovrapponga a eventi e conferenze a cui potresti partecipare.

14.Non sottovalutare l’importanza delle PR e dei Comunicati Stampa

Non aspettare il giorno del lancio della campagna per realizzare un pack con il materiale dedicato alla stampa perchè richiede molto tempo ma ti permetterà di ottenere molta ma molta pubblicità.

Assicurati di aver preparato un pack con tutto il materiale necessario:

  • La storia del tuo prodotto;
  • La storia della tua azienda o squadra;
  • La storia di ciascun fondatore;
  • Foto del tuo prodotto per i consumatori;
  • Foto dal “making of”. (dello sviluppo del prodotto);
  • Foto della tua squadra con il prodotto;
  • Headshots dei tuoi fondatori e persone chiave;
  • Citazioni da parte tua e di altre persone;

Tutto in più lunghezze: dimensioni di un tweet, breve snippet, testo breve (400 parole circa) e versione lunga.

Assicurati di essere convinto al 100% del risultato. Per capire se hai ottenuto un buon risultato prova a pensare come se consegnassi questo materiale ad un amico per presentare il prodotto a tuo nome, lui o lei avrebbero tutto ciò che gli occorre per presentarlo in modo accurato? Se non sei sicuro, sperimenta – chiedi a un amico di riproporgli il ​​tuo progetto.

15.Preparati per una gestione h24 dei canali social

Internet non dorme mai. Quindi se il tuo prodotto ha una copertura globale, aspettati di ricevere tweet e articoli scritti su di te 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Assicurati di configurare Google Alert per ricevere aggiornamenti via email ogni volta che esce un nuovo articolo sul tuo prodotto. Assicurati di twittare e condividere ogni articolo. Giornalisti e blogger hanno una finestra di interesse piuttosto ristretta: una volta che l’articolo è uscito, passeranno alla prossima cosa. Quindi, se vuoi interagire con loro, ringraziarli pubblicamente o semplicemente per mantenere vivi i tuoi social network, dovrai rispondere immediatamente.

Inoltre, assicurati di twittare tutti i momenti importanti della giornata – mattina e pranzo, per più aree geografiche. Prova, ad esempio, a programmarti 4 tweet al giorno: mattina Regno Unito, ora di pranzo nel Regno Unito (che corrisponde alla  mattina negli Stati Uniti), ora di pranzo negli Stati Uniti e un altro post per l’ora di pranzo in Australia / Giappone.

16.Apri un conto bancario e registralo su Kickstarter prima che finisca la campagna

Questo è molto importante. Non aspettare fino a quando la campagna Kickstarter è finita per aprire un conto bancario e registrarlo. Ad esempio il sistema bancario britannico impiega 8 settimane per programmare la registrazione del c/c.

17.Pensa positivo e prova a divertirti.

Non lasciare che lo stress ti travolga. Alcuni stanno mettendo in gioco tutto (vita, risparmi) nella loro campagna di crowdfunding. Per altri invece, potrebbe essere un “vediamo cosa succede”. Indipendentemente da ciò, ricorda di rimanere positivo in ogni momento e non lasciare che lo stress ti distrugga. Ci sono molte persone che hanno trovato il successo dopo che la loro campagna Kickstarter è fallita: fallire non significa necessariamente la fine per il tuo progetto imprenditoriale.

 

In conclusione: organizzare una campagna di crowdfunding è un’esperienza sorprendente di per sé. Quindi cerca di trarne il massimo, sia a livello aziendale che personale, prova a creare delle partnership durature durante la tua campagna piuttosto che pensare unicamente a “vendere, vendere, vendere”.

Fonte articolo:  Fastcompany, Alphr, Liviu

Fonte immagine: floship

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.